Piranha Bytes Italia


Intervista di Wccftech su ELEX II

Intervista su ELEX II – Combattimento più reattivo, relazioni più profonde e altri miglioramenti.

Terminato l’entusiasmo per gli annunci dell’E3 2021, Piranha Bytes e THQ Nordic hanno catturato l’attenzione rivelando ELEX II, seguito del gioco di ruolo open world uscito nel 2017 e ambientato in un mondo post-apocalittico, in cui magia e tecnologia hanno entrambe un ruolo molto importante. La data di uscita non è lontanissima (Steam all’inizio lo ha dato in uscita nel 2021, per poi sostituire quest’informazione con un laconico “Coming Soon”, in quanto l’addetto stampa di THQ Nordic ha dichiarato che il lancio nel corso dell’anno non è al momento garantito), perciò il sito Wccftech ha colto l’occasione per inviare una lista di domande agli sviluppatori.

Wccftech: Quali sono i miglioramenti più importanti introdotti in ELEX II?

Piranha Bytes: tutti noteranno fin da subito che abbiamo introdotto un vero sistema di volo, che include anche il combattimento aereo. Qualcosa di non così evidente, invece, è la maggior densità di contenuti all’interno del mondo di gioco. Sebbene la mappa non sia più grande di quella di ELEX, in questo nuovo capitolo c’è molto più da fare. Il terzo cambiamento più importante è il nuovo sistema di combattimento. I giocatori hanno un controllo più diretto e sta a loro decidere quanto tener sollevata una spada o una mazza per dare forza all’attacco: più a lungo si carica il colpo, maggiore sarà il danno. Questo rende il combattimento molto più dinamico rispetto a prima. Abbiamo anche migliorato l’IA dei nemici e sviluppato da capo tutte le animazioni.

[ Leggi il resto dell’articolo! ]

ELEX II – Prime info e video di gameplay

Nella giornata di ieri, diversi siti hanno pubblicato anteprime e video di ELEX II. La maggior parte delle anteprime tedesche hanno parlato dei miglioramenti rispetto al primo capitolo:

  • il nuovo sistema morale porterà il livello di distruzione di Jax ad aumentare anche uccidendo piccoli animali;
  • fanno la loro comparsa i bambini, che potranno affidare delle missioni al giocatore e non potranno essere uccisi;
  • le regioni già presenti nel primo titolo subiranno variazioni drastiche, per esempio Tavar sarà ricco di vegetazione;
  • ci saranno fino a sei fazioni a cui unirsi;
  • il sistema di combattimento è stato migliorato e ora gli attributi di Jax ne influenzeranno direttamente i danni inflitti, invece di essere solamente dei requisiti per l’utilizzo delle armi;
  • nelle fasi di gioco avanzate sarà possibile volare senza limiti, potenziando il nuovo jetpack;
  • un finale del primo ELEX sarà considerato canonico nel seguito, in quanto è stato scelto dal 90% dei giocatori.

Il sito Wccftech ha anche pubblicato un breve video di gameplay ovviamente di una build non ancora definitiva che troverete in calce.

ELEX II – Anteprima di IGNItalia

Anche IGNItalia ha potuto assistere ad una presentazione privata di ELEX II e ne ha pubblicato un’anteprima, di cui vi riportiamo l’inizio, con il link all’articolo completo.


Nuovo Elex, vecchio Elex

Per prima cosa, devo dire che quanto ho visto mi ha ricordato davvero molto il predecessore, anzi sotto molti punti di vista il gameplay e la formula di gioco mi sono parse quasi identiche a quelle dello scorso gioco della software house tedesca. Non una grande sorpresa, o almeno io non mi aspettavo novità particolarmente significative da questo sequel, ancor di più se consideriamo che Piranha Bytes non si è fatta notare per la voglia di sperimentare con ogni nuova produzione e, anzi, si è spesso appoggiata alla formula inaugurata con i primi due Gothic. Chi ha già gradito Elex sarà probabilmente felice di sapere che gli equilibri di gioco non sembrano proprio stravolti in questo sequel, gli altri forse saranno un po’ meno intrigati da questa notizia.
A ritornare è innanzitutto l’ambientazione che avevamo esplorato nel 2017, che comunque non è del tutto uguale a quella già conosciuta in passato. Viaggeremo per aree inedite e familiari, alcune delle quali potrebbero aver subito alcuni cambiamenti più o meno marcati: gli sviluppatori, per esempio, hanno spiegato come il deserto di Tavar, casa dei fuorilegge nel predecessore, è stato trasformato dalla magia dei Berserker in una terra florida e rigogliosa.

Un mondo vasto e pieno di pericoli

Parlando del proprio approccio all’open world, lo studio ha anche sottolineato come non si siano concentrati tanto sulle dimensioni del mondo di gioco, che invero sono più o meno le stesse del precedente capitolo, preferendo invece riporre più attenzione su ogni singola area e assicurare una maggiore densità di contenuti, con più dialoghi, personaggi con cui interagire, missioni da svolgere e così via. Un approccio che non nascondo di apprezzare, per uno studio di dimensioni abbastanza contenute come Piranha Bytes mi sembra senz’altro la scelta migliore ma in verità gradirei che anche altre software house più grandi prediligessero più spesso la qualità alla quantità.
Uno degli elementi dei giochi Piranha Bytes più apprezzati è la sensazione di trovarsi immersi in un prodotto in cui ogni oggetto, personaggio o nemico è “fatto a mano” e piazzato con cura dagli sviluppatori, piuttosto che essere realizzato attraverso la generazione procedurale, come avviene invece in altre produzioni. Gli sviluppatori hanno dunque voluto sottolineare di aver applicato questa filosofia anche in Elex 2….


Per leggere l’anteprima completa, cliccate qui.

ELEX II – Anteprima di Multiplayer.it

Iniziano ad uscire in Italia le prime informazioni sul nuovo videogioco dei Piranha Bytes. Il sito Multiplayer.it ha potuto assistere ad una presentazione privata di ELEX II e ne ha pubblicato un’anteprima, di cui vi riportiamo l’inizio, con il link all’articolo completo.


Piranha Bytes, chi li conosce? Sono tedeschi, non hanno chissà quanti soldi dietro, ma col cuore sono riusciti a creare dei giochi di ruolo indimenticabili. E questo nuovo ELEX II potrebbe essere il loro gioco migliore.[…]

Successo crescente

Con ELEX uscito nel 2017, Piranha Bytes ha tentato di tornare alle origini, alle meraviglie di Gothic, utilizzando un’ambientazione altrettanto nuova, tra fantascienza e fantasy, tra Dune e Le Avventure di Rocketeer, tra Fallout e proprio Gothic.
Anche ELEX aveva e ha tutt’ora i suoi punti deboli, anzi debolissimi, come un sistema di combattimento troppo vecchio, una progressione nelle abilità singhiozzante. Ciò nonostante, se ti metti comodo evitando di fare un dramma ad ogni sbavatura, un post sui social ad ogni bug, ti accorgi che di giochi così ce ne sono davvero pochi. Se oggi stiamo per parlarvi di Elex II, significa che il pubblico, nonostante tutto, continua a seguirli, e le cose potrebbero andare ancora meglio con questo seguito visto che nel 2019, Piranha Bytes è entrata a far parte nella famiglia THQ Nordic.

Amici e nemici

ELEX II, di cui abbiamo assistito a una presentazione privata, appare subito come un concreto passo in avanti rispetto al predecessore, a partire dalla grafica molto più appariscente sebbene ancora limitata nei dettagli. Ancora una volta ci troviamo davanti a un vero e proprio open world rigorosamente in terza persona.
Rispetto al passato però possiamo aspettarci scenari molto più dinamici e vivi. Almeno queste sono le intenzioni degli sviluppatori, c’è però da dire che da questo punto di vista, almeno per quel che riguarda gli NPC, i Piranha Bytes raramente hanno deluso. Utilizzando freddi numeri, ci dicono che nel gioco saranno presenti più di trecento NPC disposti a parlare con il nostro personaggio, e numerosissime linee di dialogo che dovrebbero garantire una risposta ancora più sorprendente alle nostre azioni…

Per leggere l’anteprima completa, cliccate qui.

ELEX II, trailer di annuncio

15 giugno 2021, all’E3 2021 THQ Nordic annuncia con un trailer ELEX II, il sequel del RPG open world 2017 sviluppato da Piranha Bytes.
Il comunicato stampa ufficiale dice il gioco arriverà su PC, PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One e Xbox Series X|S e che non c’è ancora una data di uscita. La pagina Steam elencava inizialmente una finestra 2021 generica, ma successivamente ha lasciato un generico “Coming Soon”: infatti lo sviluppo del gioco è stato quasi sicuramente influenzato dall’emergenza sanitaria Covid-19.
Il trailer mostra in azione Jax, lo stesso protagonista del primo ELEX, con altri personaggi appartenenti a diverse fazioni che ancora non conosciamo, contro un nuovo nemico, sulla base musicale di “ELEX”, un brano creato appositamente da Jonathan Davis dei KoRn.

Uno Speciale di Pasqua diverso dal solito!


Sembra che lo scorso incontro con il coniglio pasquale non abbia portato molta fortuna. Anche quest’anno la Pasqua sarà differente e contenuta. Tuttavia, abbiamo pensato a voi e vi presentiamo due piccoli dettagli che avrete modo di vedere nel CSP.
Si tratta probabilmente dell’Easter egg più grande del mondo e lo troverete in un luogo magico all’interno del CSP. Quali segreti nasconderà?
A Myrtana le maschere facciali sono ancora utilizzate per identificare i malviventi. In questo accampamento di banditi è obbligatorio indossarne una!
Sembra che si siano persi qualcosa riguardo i recenti avvenimenti.


Buona Pasqua a tutti!


< Torna alla pagina principale del Community Story Project.


Calendario CSP: 24 dicembre 2020

È la vigilia di Natale, quindi è l’ultima casella. Come altri anni, il CST ci propone i ringraziamenti e un video, che ci mostra una fortezza tra le montagne, il castello del Barone Orrin.
Per chi ha sempre seguito i vari calendari, questo nobile compare in una vecchia casella come uno dei possibili cospiratori contro il generale Lee. Sappiamo solo che ha il titolo di Barone delle Pianure e nel video non ci sono indicazioni sulla posizione del castello. Probabilmente si tratta di alcune rovine che il CST ha modificato e ampliato. Ce ne sono alcune nella zone intorno a Geldern e Silden, ma per averne la certezza e saperne di più dovremo attendere il Community Story Project!

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile questo Calendario Natalizio:

  • abihash
  • chris-40
  • controlled
  • George
  • Gregox
  • Hero3000
  • HerrFenrisWolf
  • MadFaTal
  • mszkb
  • Robespier
  • Salmarnir
  • Seeev
  • TrueCore

Un ringraziamento speciale a:

  • Robespier per la versione russa
  • HptmGrusel per la versione inglese
  • Piranha Bytes Italia per la versione italiana
  • Gothic Up per la versione polacca

Il Community Story Team augura a tutti Buon Natale!


< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 23 dicembre 2020

Dopo il racconto breve di ieri, anche oggi il calendario ci propone una storia ambientata sempre nel “nuovo” porto di Vengard, ma in un periodo precedente della storia.

“GIÙ AL PORTO, SI SA CHE…”

di HerrFenrisWolf

Una folata di vento salmastro investì Trabas e lo svegliò dal suo sonno che sapeva di birra. Le sue membra sembravano di piombo, come se fossero imprigionate nei suoi vestiti freddi ed umidi. In un momento l’ebbrezza della notte passata scomparve e venne rimpiazzata dai postumi del giorno dopo. Aprendo gli occhi trovò ad attenderlo la luce accecante del sole. Ogni giorno che passava, la sua capacità di riprendersi dalle sbornie peggiorava, ma anche quella mattina Trabas si rimise in piedi, si guardò intorno, ondeggiò un po’ e poi seguì il suo istinto di vomitare giù nel mare oltre il parapetto della torre del porto. Quando ebbe finito si pulì la bocca con la manica, si aggiustò il vestito e ringrazio gli dei del fatto che i suoi abiti non si erano sporcati né di escrementi di gabbiano né di altro.

Ai suoi piedi si trovava ancora il calice d’oro, riccamente decorato, con cui ieri avevano lanciato un brindisi dopo l’altro in direzione del palazzo reale. Trabas raccolse da terra il calice, fin troppo prezioso per quella semplice torre di guardia. Ma è così che vanno le cose al porto. A volte alcune merci trasportate sparivano appena arrivate al molo, altre volte dei beni preziosi venivano rifilati alle milizie per assicurarsi silenzio o favori. In ogni caso il calice prezioso ora veniva riempito di acqua fresca, nella speranza che questa schiarisse i pensieri di Trabas.

[ Leggi il resto dell’articolo! ]

Calendario CSP: 22 dicembre 2020

Stiamo arrivando al termine del calendario 2020. Il CST stavolta ci mostra un racconto breve ambientato nel nuovo porto di Vengard, che ci era stato presentato nell’ultima casella dello scorso calendario.

IL PORTO DI VENGARD

di Gregox

Il sole splendeva attraverso la finestra e gli fece sbattere le palpebre. Prima di rendersene conto, era già del tutto sveglio, si posizionò seduto con le sue vecchie ossa e diede un’occhiata intorno a sé. La sua capanna nel molo era piuttosto piccola. Un letto doppio, un forziere robusto e un armadio. Ma era sempre meglio di quel che aveva altra gente, perché per lo meno aveva un tetto sopra la testa. E non era da sottovalutare di quei tempi.

I suoi occhi vagarono verso l’altro lato del letto che era vuoto. Da quando era così, gli era rimasta una sola speranza nella vita: morire di una morte indolore e riunirsi con sua moglie.
Sospirò, scese dal letto e indosso i vestiti. Il suo coltello e del denaro in una borsa penzolavano dalla sua cintura.
Uscì di casa e si diresse verso la bancarella sul lato opposto della strada per le compere quotidiane.

[ Leggi il resto dell’articolo! ]