Piranha Bytes Italia


Calendario CSP: 18 dicembre 2019

La casella di oggi è dedicata ai contadini minacciati dagli Ogre nei dintorni di Trelis.

“Non ho più neanche un solo dardo! Alla fine sono stato costretto a cacciarli via a bastonate, ma per fortuna conosco tutti i trucchetti.”
Sarebbe servita una bella cintura con le munizioni, ma è una storia che non ha niente a che fare con il CSP, visto che i contadini hanno a disposizione solo i loro semplici attrezzi di lavoro per difendersi.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 17 dicembre 2019

Per il 17 dicembre il calendario ci mostra i cambiamenti apportati a Nemora, uno dei campi dei Ribelli a Myrtana. Se nell’originale Gothic 3 comprendeva solo poche persone, nel CSP diversi gruppi si sono ritirati in quel luogo remoto e si potranno facilmente distinguere in base all’abbigliamento: i nobili con i loro cavalieri, i contadini e anche dei soldati attenderanno il protagonista con le loro storie.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 16 dicembre 2019

Nella sedicesima casella il CST ci propone le riflessioni di Kan, il comandante supremo degli Orchi, prima dell’assedio alla capitale del Regno, Vengard.

Il mio regno grazie a questa ascia

“Ti ho visto in un’immagine. Sono confuso dal tuo aspetto. Hai gli occhi di un guerriero, ma i capelli bianchi di un vecchio. L’immagine non mi mostrava né quanto fossi alto, né quanto fossi abile con la spada. L’immagine non ha significato. Tutte queste cose le scoprirò quando sarò al tuo cospetto, oppure quando troverò il tuo cadavere tra le rovine del tuo palazzo. Quando ho sentito per la prima volta pronunciare il tuo nome ero più giovane di molte estati, ma ero già un guerriero. Fratelli, che oggi sono morti, mi hanno portato con loro tra i monti del Nordmar. Era la fame a spingerci. Ci raccontavano che dietro alle montagne c’era una terra ricca, calda e soprattutto fertile. Le loro parole erano vere. In quei giorni l’ho visto con i miei stessi occhi.
Sulla nostra strada attraverso le montagne abbiamo affrontato i guerrieri del Nordmar. Nonostante fossero più bassi di statura di noi, erano duri tanto quanto noi. Ho chiesto ai miei fratelli come vivessero i capi di questi guerrieri. Mi raccontarono che vivono esattamente come noi, ma al tempo stesso in maniera diversa. Ho chiesto loro: “Diverso in che modo?” Mi hanno raccontato che anche i capi più potenti delle montagne hanno un uomo che sta sopra di loro. “Come può esserci un capo dei capi?”, ho chiesto. Doveva essere un guerriero di una tale gloria e onore che tutte le tribù della sua terra lo riconoscevano, lo stimavano e lo seguivano. Ero stupefatto. Come poteva un capo dei capi così forte raggiungere quella posizione? Era scontato che non potesse regnare su non su quel che tu chiami il tuo regno.
Catturato da questi pensieri ho fatto di tutto per raggiungere la stessa posizione di gloria e onore. Ho riunito i guerrieri del mio popolo, per regalare loro una terra che fosse meglio della brulla steppa che chiamavamo casa. Ho riunito i guerrieri di tutte le tribù per guadagnarci questa terra, con sangue, sudore e acciaio. Ci sono volute molte estati per farmi diventare capo, come tu lo sei. Altre estati ancora per farmi arrivare sin qui. Qui, a fianco della mia armata, sulle colline attorno alla tua città. Tutte le altre città le abbiamo strappate a te ed ai tuoi. Ma ancora so molto poco di te. Dalle tue tribù, molti guerrieri si sono uniti alla mia armata, guerrieri che non sono semplici Morra. Riconoscono la mia autorità. Ma non voglio sentire nessuna parola su di te e non li voglio accanto a me oggi. Abbiamo ucciso i tuoi e sono morti con il tuo nome sulle labbra. Molti per maledirti, altri per confortarsi. Conosco il peso di essere capo.
Il fatto che ci sia voluto tanto per arrivare sin qui e che abbiamo avuto bisogno di uno dei tuoi evocatori di demoni, parla per te. Non c’è onore nell’uso della magia in battaglia. La magia è solo per gli sciamani e loro ottengono il loro onore grazie al grande spirito. E nonostante tutto ora siamo qui. Sono sulla collina e mi meraviglio della tua fortezza di pietra. Al mio comando i miei guerrieri si riverseranno sulle mura come il mare in tempesta contro gli scogli. Oggi il tuo regno finirà con la tua morte. In questa terra c’è posto per un solo capo dei capi. Quando ti vedrò capirò su cosa si basa il tuo regno. Perché il mio si basa su questa mia ascia.”

I guerrieri degli orchi tacciono ancora alla vista del loro indiscutibile comandante. Dalle ceneri del fuoco, gli sciamani hanno disegnato simboli sacri sui volti dei loro guerrieri, che oggi serviranno a portarli alla vittoria contro il regno umano. Lo stoico sguardo di Kan si distoglie da Vengard, mentre nella luce del tramonto solleva lentamente l’ascia per dare il comando.


Traduzione italiana a cura di Lorenz ‘Lck’ Klopfenstein.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 14 dicembre 2019

Come nell’ottava casella, anche per il 14 dicembre il CST ci presenta nuovi mercanti che non attendono altro di fare affari con noi!

Gered, fornaio di Montera da lungo tempo, ogni giorno ha in offerta del pane appena sfornato.
Il costruttore di archi Morten, della gilda degli artigiani di Geldern, vende archi e balestre eccezionali. Potrete acquistare anche frecce e dardi da lui.
Anche se nel Nordmar il baratto è la forma di commercio più comune, il capo magazziniere Rolf del Clan del Fuoco, a causa della vicinanza del monastero, è disposto ad offrire la sua merce anche in cambio d’oro.
Il contadino Farmon vende sia i prodotti della sua fattoria, sia ciò che riesce a raccogliere dal golfo lì vicino, ossia conchiglie e perle.
L’offerta di Eusebio a Ben Erai è la gioia di ogni aspirante alchimista.

< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 13 dicembre 2019

Nello speciale di Pasqua di quest’anno abbiamo visto un luogo degli orrori per il coniglio pasquale: la macelleria! Nel video il CST ci aveva mostrato solo l’interno dell’edificio, forse perché avevano semplicemente cambiato destinazione d’uso ad un edificio esistente? Naturalmente no! Il macellaio di Montera ha ottenuto una nuova bellissima casa dove svolgere il suo lavoro.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.


Calendario CSP: 9 dicembre 2019

Risolvere i bug del gioco è una delle più alte priorità del CST. Ogni anno gli sviluppatori risolvono bug. Ecco alcuni esempi di problemi che non si presenteranno più.

Siete nei pressi di un tempio e venite colpiti da una freccia senza nessun avversario visibile? Allora deve trattarsi dei nemici che scagliano le frecce da dietro alla porta.

Vi arricchite velocemente arraffando più volte i tesori di una tomba, semplicemente riavviando il gioco? Non nel CSP, dove hanno risolto il problema. Come? Per questo servirà una spiegazione tecnica dal loro forum interno:

Nel gioco originale gli Anchor si trovano solo in .lrentdats. Salvando e caricando il gioco solo le entità in .lrentdats (eCDynamicEntity) sono incluse.
Entità in .nodes (eCSpatialEntity) invece vengono incluse solo se il loro .node, ossia il .lrgeodat (eCGeometrySpatialContext) relativo è stato marcato come contesto ibrido.
In questo caso viene memorizzato solo gCInteraction_PS del PropertySet e, anche questo, soltanto se nel caso dell’entità si tratta di un oggetto interattivo, che conferisce un bonus una tantum.
Tutti gli Anchor hanno dello stato che dovrebbe essere caricato quando si carica un salvataggio, ad esempio includono informazioni su chi sia l’utilizzatore corrente. In modo da salvare tutte le entità che hanno dello stato in un salvataggio, bisogna includerle in un .lrendat.
Spostando quindi i tesori da un .node ad un .lrendat abbiamo finalmente risolto il bug.

Non si tratta propriamente di un bug, ma pur sempre di un miglioramento notevole: il CST ha rimpiazzato il pesce e l’oro nel Nordmar. Entrambi non c’entrano molto con il Nord, ma si possono trovare in molti edifici. Per una maggiore coerenza, nel CSP i due oggetti vengono rimpiazzati da carne e minerali.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.