Piranha Bytes Italia


ELEX: il più grande successo videoludico tedesco da anni!

Piranha Bytes logo

Ricollegandoci alla notizia del Community Award vinto dai Piranha Bytes al Deutscher Entwicklerpreis, vi proponiamo la traduzione di un articolo tedesco che approfondisce l’argomento.

Premio videogame tedesco 2018, il 10 aprile a Monaco: Björn Pankratz e Jennifer Pankratz di Piranha Bytes
ed il rappresentante THQNordic, Florian Emmerich festeggiano per la vittoria del premio del pubblico.


Bisogna sfogliare diverse pagine del libro di storia per trovare un gioco per PC o per console prodotto in Germania che abbia raccolto un successo nel mercato nazionale confrontabile al gioco di ruolo ELEX dei Piranha Bytes. Da ottobre 2017, il gioco distribuito da THQ Nordic è stato venduto in più di 100.000 copie.

[ Leggi il resto dell’articolo! ]

Elex: I Piranha Bytes conquistano il Community Award!

Piranha Bytes logo

Ieri al Deutscher Entwicklerpreis, un evento dove vengono premiati per risultati eccezionali nello sviluppo di giochi dei paesi di lingua tedesca, Piranha Bytes per la prima volta conquistano il premio Community Award.

Foto ricordo durante la premiazione, da sinistra:  Björn Pankratz, Jennifer Pankratz che tutti conosciamo e Florian Emmerich (Global PR Manager presso THQNordic)
Foto ricordo durante la premiazione, da sinistra: Björn Pankratz, Jennifer Pankratz che tutti conosciamo e Florian Emmerich (Global PR Manager presso THQNordic)

Dopo la premiazione Björn e Jennifer Pankratz nel video in calce ci regalano un minuto della loro felicità, ma soprattutto incredulità per la conquista di quest’ultimo premio. Sono esausti ed è con l’emozione in gola che ringraziano tutti noi community per averli onorati di tale premio.

Riconoscimento da attribuire anche a THQNordic e che li pone a pieni diritti tra i più prestigiosi nomi internazionali.
Un podio inaspettato, per la prima volta in mano ad un gioco tedesco.

CSP – Speciale Pasqua 2018

In occasione di Pasqua, a differenza del passato, il CST ha voluto farci solo una piccola sorpresa, proponendoci qualcosa creato dal dipartimento 3D, che nel frattempo si è ampliato. Riuscite a indovinare di cosa si tratta?

Oltre a questo piccolo screenshot, i membri del CST ci aggiornano sui loro progressi segnalandoci alcune cifre.

I numeri mostrano quanto è stato creato per il CSP in un anno, rispetto a Marzo 2017.


Marzo 2017 Marzo 2018
2400 discussioni nel forum privato 2800 discussioni nel forum privato
35.000 messaggi (forum privato) 42.000 messaggi (forum privato)
1,5 GB di dati 1,7 GB di dati
7200 nuovi oggetti 8712 nuovi oggetti
607 nuovi personaggi
324 nuovi mostri
690 mostri e personaggi 931 mostri e personaggi
26181 nuove linee di dialogo 28801 nuove linee di dialogo
1227 oggetti rimossi 1150 oggetti rimossi
47 personaggi rimossi 90 personaggi rimossi
90 mostri rimossi 113 mostri rimossi

Traduzione italiana di Marco ‘Colmar’ Colombo.


< Torna alla pagina principale del Community Story Project.


Elex: patch disponibile per le console… finalmente!

ELEX Logo

Come abbiamo riportato in questa notizia del 18 gennaio 2018, l’enorme patch rilasciata prima di Natale per Pc era prevista anche su PS4 e Xbox One. Mai rilasciata fino ad oggi, ha sollevato tante polemiche e lo stesso Michael Rüve ‘Managing Director’ di Piranha Bytes, era stato costretto a rilasciare un comunicato; senza però spiegare effettivamente a cosa era dovuto questo ritardo.

Oggi THQNordic sul suo portale annuncia e rilascia finalmente la tanto attesa patch, che aggiunge funzionalità avanzate per Xbox One X e che spinge la risoluzione a 3200×1800. I giocatori di PlayStation 4 possono contare sul rendering 4K in PS4 Pro. Inoltre, la patch aggiunge una tonnellata di altri miglioramenti al gioco, come nuove, e più dettagliate, impostazioni di difficoltà.

Guardate voi stessi nelle note di patch complete:

Ps4

  • Rendering 4k per PS4 Pro.
  • Aumentata la qualità su PS4 Pro con schermi a 1080p.

Xbox One

  • Aumentata la risoluzione per Xbox One.
  • Aumentata la qualità su Xbox One con schermi a 1080p.

Nuove impostazioni di difficoltà

  • Danno del giocatore: danno inflitto dal giocatore.
  • Danno dei nemici: danno inflitto dai tuoi nemici.
  • Costo della Stamina: modifica il costo della stamina per le azioni.

Motore di gioco

  • Aggiunto l’anti-aliasing FXAA T2x e SMAA T2x
[ Leggi il resto dell’articolo! ]

Elex – La giusta colonna sonora per un mondo pieno di differenze estreme


Ormai Elex è uscito da qualche mese, ma abbiamo deciso di tradurre e pubblicare un articolo scritto da Björn Pankratz, che parla della colonna sonora del gioco.
Lead Game Designer e Project Lead presso Piranha Bytes, Björn, da sempre un musicista appassionato come rivela nell’articolo, per la prima volta ha infatti anche composto la colonna sonora di Elex.
In questo articolo ci riporta le sue considerazioni, parlandoci di un argomento che spesso non viene analizzato come dovrebbe essere.






Anche per veterani del mondo videoludico come me, comporre la colonna sonora per Elex è stata una sfida speciale ed anche un punto di svolta. Produco musica da 25 anni, tuttavia finora i miei progetti musicali personali erano soprattutto per me stesso o per le persone a me vicine. Raramente ho avuto l’occasione di usare la mia conoscenza a livello professionale in questo campo, come anche di farla diventare un caposaldo della mia vita. Tutto ciò è cambiato con Elex. Fui estremamente onorato che il team avesse fiducia in me per comporre la colonna sonora per il nostro RPG Elex. I miei ringraziamenti speciali vanno a tutti coloro che hanno creduto in me e mi hanno supportato.

[ Leggi il resto dell’articolo! ]

THQ Nordic fa il colpaccio con Deep Silver e Koch Media!


A sorpresa oggi, anche se circolavano delle “voci di corridoio”, THQ Nordic (ricordiamo che è oggi il nuovo produttore di Piranha Bytes e di Elex) in questi anni in larga scala ha acquisito un bel po’ di proprietà intellettuali; che culmina con quelle di Deep Silver e Koch Media.

Per quanto ci riguarda, come Nordic Games qualche anno fà già acquisì la fallimentare JoWood e di conseguenza tutti i titoli della saga di Gothic passarono nel suo catalogo, e con quest’ultima mossa anche la saga di Risen.

L’operazione di acquisizione è costata a THQ Nordic circa 121 milioni di euro, che verranno elargiti secondo un piano che prevede un anticipo di 66 milioni e il resto in comode rate. La cosa interessante, tuttavia, è che Koch Media continuerà la propria attività come un’entità separata, sebbene sotto una nuova proprietà.


Multiplayer.it riporta i commenti a caldo dei due rispettivi amministratori delegati:

“Koch Media ha una lunga storia di profittabilità, nonostante alcune perdite dovute a titoli di scarso successo”, ha dichiarato il CEO di THQ Nordic, Lars Wingefors. “Siamo convinti che l’acquisizione dei team di sviluppo di Deep Silver potranno portare almeno quattro progetti tripla A sul mercato, fra cui Metro Exodus e i nuovi titoli di Volition e Dambuster.”

“Credo fermamente che la mossa di THQ Nordic si accordi perfettamente alla natura di Koch Media”, ha aggiunto Klemens Kundratitz, CEO di Koch Media. “Oltre ad avere grande esperienza con lo sviluppo di videogame e la loro produzione, THQ Nordic possiede anche le capacità, la volontà e i capitali per crescere in futuro.”

Cosa The Witcher 3 deve alla serie classica di GDR Gothic

Approfittiamo dell’articolo scritto da polygon, per introdurre un documentario di 45 minuti, che esamina come un cult classico del 2001 ha influenzato uno dei migliori GDR.

The Witcher 3: Wild Hunt è stato molto esaltato per il suo mondo vivo. Un nuovo documentario fa luce su cosa il gioco ha preso dai suoi predecessori, i GDR cult classici Gothic e Gothic 2.

Il primo Gothic fu rilasciato nel 2001. Era focalizzato intorno ad un protagonista maschile in una colonia-prigione che combatteva gli orchi, ma anche le macchinazioni politiche di una remota società feudale. La storia viene ripresa di nuovo nel seguito, più rifinito, Gothic 2, che ha luogo in un mondo più ampio nell’isola di Khorinis. Entrambi i giochi implementavano i personaggi non giocanti con le loro routine e molte altre caratteristiche minori che sono stati di ispirazioni al team dei CD Projekt.

Il documentario di 45 minuti, citato sopra, è il lavoro del team “Soul Fire” dedicato a tutti i fan di Gothic e che stanno sviluppando il prequel “Gothic II Dzieje Khorinis”. Il video è in polacco, ma dotato di eccellenti sottotitoli in inglese (e in italiano grazie al team Piranha Bytes Italia, NdR Sakkio). I fan di The Witcher o di Gothic dovrebbero decisamente darci un’occhiata.

Infine in calce troverete il filmato sottotitolato in italiano, se non visualizzate correttamente i sottotitoli, su Youtube cliccate su SOTTOTITOLI (ultima icona partendo dalla vostra destra), su dispositivi mobili (cliccate e selezionate la nostra lingua sull’icona CC). Buona visione!

Sezioni: ,

Gothic: non è mai troppo tardi per una recensione!

Non è facile che il mondo videoludico ci sorprendi ancora, sopratutto quello dei Piranha Bytes dedicato alla saga di Gothic. Ci sbagliavamo e con nostro stupore un caro amico e lettore Mosè Viero e il suo sito La Maschera Riposta, che già in passato ha recensito tutti i videogiochi targati Piranha Bytes, tranne il primo Gothic, in questi giorni in risposta forse al maggior numero di richieste mai ricevute dai lettori del suo sito, per rimediare lo ha recensito. Oltre alla recensione, l’articolo approfondisce l’importanza storica del primo capitolo della celebre saga dei Piranha Bytes e inoltre spiega anche come godersi al meglio il gioco su sistemi odierni.


Gothic

Nel 2001 la sconosciuta casa di sviluppo tedesca Piranha Bytes dà alle stampe un GdR destinato a lasciare un segno indelebile non solo nella memoria degli appassionati ma anche nell’intera evoluzione del genere. Gothic è una perla rara, un prodotto unico e irripetibile, che merita di essere giocato ancora oggi.


1. Prospettiva storica

È il 12 ottobre 1997 quando a Essen, in Germania, viene fondata una casa di sviluppo di prodotti di intrattenimento digitale chiamata Piranha Bytes. L’evento passa inosservato: sarà solo quattro anni dopo, nel 2001, che il geniale gruppo di sviluppatori capitanato da Bjorn Pankratz pubblicherà il suo primo lavoro, intitolato Gothic. Le riviste di settore e in generale i recensori professionisti, costretti dalle tempistiche a lavorare su prodotti di cui si ignorano per forza di cose la ‘presa’ sul pubblico e gli effetti a lungo termine, non restano particolarmente impressionati: possiamo anzi dire senza timore che la critica professionista ‘buca’ completamente lo scoop, concentrandosi il più delle volte sulla superficie rozza del GdR tedesco senza ‘vederne’ la sottostante carica rivoluzionaria e confinando di conseguenza il gioco nel limbo dei prodotti mediocri se non scadenti. Ma il tempo, come si suol dire, è galantuomo: oggi chiunque imbastica un qualunque discorso ‘storico’ sull’evoluzione del GdR digitale ignorando Gothic e i suoi epigoni perderebbe all’istante qualunque credibilità.

Certo, il gioco in oggetto è colmo di problemi. E peraltro la storia ha dimostrato che gran parte di questi problemi è quasi connaturata agli sviluppatori, essendo presente in quasi tutti i loro prodotti. La storia, volendo essere diretti, ha anche dimostrato che l’ispirazione di Piranha Bytes è assai limitata e ha sparato quasi tutte le sue cartucce nell’opera prima, con qualche ulteriore guizzo di positiva creatività nel seguito e una colossale serie di errori e inconsistenze in tutti i prodotti successivi. Ma lasciamo per un momento da parte gli sviluppi e concentriamoci sull’opera da cui tutto è partito. Gothic è il primo gioco della storia del nostro hobby ad aver collocato nell’ambito del possibile la simulazione di un mondo: un mondo relativamente piccolo, ma rappresentato senza quasi nessun ricorso all’astrazione. Il virtuosistico (per l’epoca) motore grafico disegna davanti ai nostri occhi luoghi così caratterizzati da fissarsi indelebilmente nella memoria personale e collettiva, e li popola con personaggi e creature che letteralmente vivono: si svegliano la mattina, si lavano il viso, vanno al lavoro, si radunano attorno al fuoco alla sera, vanno a dormire, reagiscono al comportamento del protagonista in maniera credibile e così via. Quel che oggi sembra naturale e anzi quasi scontato sembrò, all’epoca, semplicemente incredibile. Ma questo è solo uno degli aspetti che rendono Gothic un prodotto eccezionale. Scendiamo più nel dettaglio.

L'Old Camp è l'insediamento più importante all'interno della Colonia
L'Old Camp è l'insediamento più importante all'interno della Colonia
I dialoghi sono accompagnati da gesti generici ma sempre comunque appropriati
I dialoghi sono accompagnati da gesti generici ma sempre comunque appropriati

Continua per la recensione completa…

Michael Rüve dei Piranha Bytes commenta il ritardo della patch per Console

ELEX Logo
Piranha Bytes logo

Inizialmente, l’enorme patch rilasciata prima di Natale per Pc era prevista anche su PS4 e Xbox One. Doveva inoltre comprendere, fra le altre cose, dei miglioramenti grafici per PS4 Pro e Xbox One X, almeno così era stato annunciato dal produttore THQ Nordic. Per ora però chi gioca ad Elex su queste console si ritrova a bocca asciutta, dato che non vi è traccia della patch. Michael Rüve, il ‘Managing Director’ di Piranha Bytes ha da poco lasciato un commento in merito nel forum ufficiale, ecco la traduzione in italiano:

OK, in effetti la mia affermazione potrebbe essere fraintesa. La patch contiene: aggiornamenti specifici per le console e tutti gli aggiornamenti indipendenti dalle piattaforme. Darei volentieri un termine di pubblicazione – ma non ho indicazioni precise. Dovrebbe già essere uscita tempo fa, ma purtroppo ci siamo imbattuti in alcuni problemi (relativi alle console). In aggiunta, il processo di pubblicazione delle patch richiede comunque più tempo (test e rilascio da parte di Sony e Microsoft).”


Insomma, a suo dire, Piranha Bytes ha avuto dei problemi legati allo sviluppo su console, che sono andati a sommarsi ai già lunghi processi di certificazione previsti da Sony e Microsoft, pertanto non sono in grado nemmeno loro di fornirci una data di rilascio. Vi terremo aggiornati nel caso venissimo a conoscenza di ulteriori dettagli o di una data esatta. Fino ad allora, non possiamo che rimanere in attesa.

Calendario CSP: 24 dicembre 2017

È la Vigilia, quindi oggi apriamo l’ultima casella. È arrivato il momento per il CST di presentarci il pezzo forte di quest’anno, un nuovo nemico!
Per i fan di Gothic, in realtà, il Fuoco Fatuo è una vecchia conoscenza, in quanto già presente in Gothic 2, ma a buon ragione non poteva mancare nel continente.

Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo calendario dell’avvento, ai nostri collaboratori e ai nostri fan.
Il CST vi augura Buon Natale.


< Torna alla pagina del calendario natalizio.



Pagina 1 di 8312345...102030...Ultima ►